technology

Vetrina intelligente : dalla domotica alla ‘displaymotica’

Vetrina intelligente: dalla domotica alla ‘displaymotica’.

Un nuovo passo nel settore delle cosiddette vetrine intelligenti è stato compiuto da Goppion che ha presentato alla conferenza generale ICOM Milano 2016 un sistema che rende interattiva una vetrina destinata a custodire reperti di grande valore storico-culturale. Goppion infatti progetta, sviluppa e costruisce vetrine e allestimenti museali.
Vetrina intelligente : dalla domotica alla 'displaymotica' - Tablet_Control Goppion - ICOM 2016
È un partner che affianca curatori ed exhibit designer nel risolvere i problemi museografici, attraverso soluzioni ingegneristiche dedicate che nascono dall’esperienza maturata grazie alla collaborazione con alcuni tra i più celebri architetti e musei del mondo. In questo caso la tecnologia è al servizio della tutela delle opere, ma dialoga anche con il visitatore arricchendone l’esperienza. Da un lato sensori integrati collegati a un piccolo computer interno alla vetrina registrano e comunicano ai curatori del museo con una app apposita temperatura dell’aria, umidità relativa, vibrazioni, tenuta delle guarnizioni e chiusura in modo da permettere un rapido intervento in caso di necessità, anche nella gestione dei flussi dei visitatori.
Vetrina intelligente : dalla domotica alla 'displaymotica' - by Goppion - ICOM 2016
Dall’altro i dispositivi interni consentono di interagire con il pubblico, fornendo informazioni durante la visita, inviando testi scritti su smartphone e tablet, ascoltando spiegazioni, illuminando determinati oggetti sui quali, in uno specifico momento della narrazione, si desidera focalizzare l’attenzione. La vetrina intelligente infatti utilizza la localizzazione del visitatore per generare punti di interesse grazie all’interazione con i suoi dispositivi mobili. Alcuni sensori di avvicinamento permettono l’avvio automatico di proiezioni, luci e ulteriori componenti audiovisivi. Ecco allora l’esplosione dell’oggetto nel suo contesto, la possibilità di confrontarlo con reperti ad esso strettamente collegati, ma conservati altrove, la possibilità di decodificare i messaggi simbolici e i riferimenti alle figure della mitologia classica, solo per fare alcuni esempi.
Un nuovo modo di comunicare con il pubblico reso possibile dall’evoluzione delle tecnologie digitali che tuttavia fa ancora fatica a essere recepito nelle sue potenzialità in molte realtà museali.

Goppion S.p.A.
Viale Edison, 58/60 I – 20090 Trezzano sul Naviglio, Milano, Italy
Tel. +39 02484497.1 – Fax +39 024453985 – www.goppion.com

Previous post

#9: Lombardini 22 srl

Next post

Designing the Complexity - Intervista a Elena Elli