technology

TRI-R, la nuova tecnologia Led di Toshiba Materials illumina l’arte

TRI-R, la nuova tecnologia Led sviluppata da Toshiba Materials, è special lighting partner alla mostra Il Simbolismo. Arte in Europa dalla Belle Époque alla Grande Guerra, ospitata a Palazzo Reale a Milano fino al 5 giugno 2016.

Delle oltre 100 opere presenti nella mostra curata da Fernando Mazzocca e Claudia Zevi in collaborazione con Michel Draguet, 5 tra le più rappresentative e importanti sono state selezionate per essere illuminate con la nuova tecnologia Led TRI-R sviluppata da Toshiba Materials: L’Elu di Ferdinand Hodler, Il Peccato di Franz Von Stuck, Le vergini savie e le vergini stolte di Giulio Aristide Sartorio, La Giovinezza di Giorgio Kienerk e La primavera classica di Galileo Chini.

Il Led di nuova generazione TRI-R, lanciato nel mercato in collaborazione con TOL Studio, è realizzato con tecnologie brevettate della Toshiba Materials per ricreare lo spettro solare . Diminuendo la componente blu della sorgente luminosa sino al livello dello spettro solare, il Led illumina le opere con una luce naturale senza bagliori simile a quella con le quale sono state concepite dall’artista. Questa caratteristica rende TRI-R particolarmente adatto all’illuminazione nell’ambito museale in cui sono fondamentali la fedeltà cromatica, il contrasto e la protezione delle opere dal calore emesso dalle fonti luminose.

L’obiettivo della sperimentazione compiuta da Toshiba Materials nello sviluppo di TRI-R è stato quello di ricreare la luce più adatta al benessere dell’uomo, la luce solare. Il risultato è stato raggiunto attraverso la rimozione di raggi ultravioletti dannosi e di raggi infrarossi ad alto calore radiante, con la combinazione di LED viola e la tecnologia brevettata da Toshiba Materials per il fosfòro. Generando luce bianca, TRI-R riesce quindi a rendere i colori in maniera naturale.

http://trir-pj.com/

TRI-R Toshiba Materials. Prima e dopo Il Peccato TRI-R Toshiba Materials. Prima e dopo La Giovinezza

Previous post

Iittala X Issey Miyake, affinità di modi e di intenti

Next post

Showroom. La moda sperimenta spazi e nuove forme di convivenza