concorsi

Premio Federico Maggia 2015. Vince un progetto (di) Concreto

Il rammendo della vallata, Gruppo Concreto (Gregorio Pecorelli, Andrea Bellicampi, Gianluca Canzini, Alberto Pizzoli).
Il rammendo della vallata, Gruppo Concreto (Gregorio Pecorelli, Andrea Bellicampi, Gianluca Canzini, Alberto Pizzoli).

È realisticamente attuabile e interpreta lucidamente il tema del bando “mettendo in gioco, in un punto strategico, l’intera organizzazione del complesso del Lanificio con una soluzione che ben si adegua alle preesistenze, contribuendo ad aumentare la riconoscibilità del luogo e del patrimonio industriale”.
Queste le motivazioni che hanno portato la giuria del Premio Federico Maggia 2015, Paesaggi industriali. Giovani progettisti fabbricano idee, presieduta dall’architetto Aimaro Isola e composta da Francesco del Co, Werner Tscholl e Anna Zegna, a proclamare vincitore il progetto Il rammendo della vallata, ideato e realizzato dal Gruppo Concreto (Gregorio Pecorelli, Andrea Bellicampi, Gianluca Canzini, Alberto Pizzoli).
Un progetto che si lega a pieno titolo al tema di questa seconda edizione, incentrata sulla relazione intesa come connessione fisica tra gli ex spazi industriali del Lanificio Maurizio Sella a Biella e il contesto paesaggistico; come incontro in luoghi conviviali che invitava altresì a ripensare i punti di accesso e di osservazione del Lanificio dismesso; e infine come legame temporale tra la fruizione presente del complesso e i preziosi archivi documentari e iconografici che vi sono conservati.

Ex Lanificio Maurizio Sella a Biella, ora Fondazione o.n.l.u.s. omonima
La proposta di Concreto suggerisce la ricucitura dei due lembi della vallata del torrente Cervo. Tramite una sequenza di percorsi pavimentati, spazi di sosta e potenziali infrastrutture da riconvertire, il progetto mette in relazione il centro storico di Biella con il Convento di san Gerolamo, passando per il nucleo centrale formato da Fondazione Sella e Cittadellarte.

Il rammendo della vallata, Gruppo Concreto (Gregorio Pecorelli, Andrea Bellicampi, Gianluca Canzini, Alberto Pizzoli).
Il rammendo della vallata, Gruppo Concreto (Gregorio Pecorelli, Andrea Bellicampi, Gianluca Canzini, Alberto Pizzoli).

gruppo-concreto-dettaglio

Due menzioni sono state assegnate ad abacO – collaborative design studio (Alessandro Carabini, Alice Braggion) con l’installazione Palomar. Trame digitali e ad Assia Carpano e Fabio Liberati con WoodWool.
La prima, una grande sfera autocostruita con polipropilene che proietta giochi di luce e fotografie di montagna ottocentesche di cui la Fondazione custodisce gli originali, mentre una passerella di osservazione, la seconda, percorribile sull’antica presa d’acqua e una serie di mobili serigrafati con trame tessili riproducibili in qualunque Fablab del mondo, con impresso un Qrcode che riconduce a una piattaforma web.

Palomar. Trame digitali, di abacO – collaborative design studio (Alessandro Carabini, Alice Braggion)
Palomar. Trame digitali, di abacO – collaborative design studio (Alessandro Carabini, Alice Braggion)

WoodWool, di Assia Carpano e Fabio Liberati
WoodWool, di Assia Carpano e Fabio Liberati


Insieme all’annuncio dei risultati e alla presentazione del catalogo è stata aperta la mostra, visitabile fino al 27 novembre, delle 10 installazioni realizzate all’interno del Lanificio Maurizio Sella che, snodandosi tra i suoi spazi, estendono l’esplorazione all’enorme potenziale custodito dall’edificio.
La mostra è stata allestita dal vincitore dell’edizione 2013 StudioErrante Architetture ed è accompagnata dall’installazione interattiva Le porte di Cittadellarte, realizzata a cura di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto in collaborazione con Studio Azzurro.

studioerrantearchitetture, allestimento
studioerrantearchitetture, allestimento della mostra

Tra i progetti finalisti:

03.zecchetti.nobili.vigoni
Zecchetti, Nobili Architetti e Alessandro Vigoni Art Director
05.attraversare
Attraversare, di Alessandro Raffa e Michele Gerli
06.AM2
[A+M]2Architects (Marcello Galiotto, Alessandra Rampazzo, Martino De Rossi, Elena Antoniolli)
10.officinaibrida
Officina Ibrida (Giulia Mondino, Alberto Sordo)
09.venezian.sala
Matteo Venezian, Francesco Sala
04.rosmini.cecchini
ULTRA architettura (Emilia Rosmini, Elisa Cecchini)
07.studiospaceman
studiospaceman (Andrea Salvatore, Francesca Caravello)

http://www.premiofedericomaggia.it/

Previous post

#67 Architetti digitali stranieri: The Principals

Next post

Ostia Autumn School 2015_41° Nord 12° Est. Progetti per Roma Marittima