concorsi

Premi Cnappc. L’ Architetto italiano 2015 e i giovani talenti dell’architettura

I vincitori dei Premi Architetto italiano 2015, Giovane talento dell’architettura 2015, Premio Raffaele Sirica, Start up giovani professionisti, banditi tradizionalmente dal CNAPPC – Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, sono stati annunciati in occasione della Festa dell’Architetto 2015 a Carrara.

 

©Massimo Cristaldi
Vincenzo Latina. Residenze i Giardini di Brucoli, Gisira. ©Massimo Cristaldi

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha annunciato, in occasione della Festa dell’architetto 2015, i vincitori di Architetto italiano 2015; Giovane talento dell’architettura 2015; Premio Raffaele Sirica, Start up giovani professionisti, valutati sulla base di realizzazioni, progetti, studi, testi critici o lavori che abbiano contribuito a trasformare in modo consapevole, a promuovere, a diffondere o salvaguardare la cultura, il territorio italiano e l’innovazione architettonica.

La giuria – presieduta da Stefano Boeri e composta da Raul Pantaleo (TamAssociati), Alessandro Cambi (SCAPE), Giuseppe D’Angelo (presidente dell’Ordine degli architetti della Provincia di Barletta, Andria, Trani), Filippo Delle Piane (vice presidente ANCE), Leopoldo Freyrie (presidente Consiglio Nazionale), Margherita Guccione (direttore MAXXI Architettura) – ha conferito al siciliano Vincenzo Latina il Premio Architetto Italiano 2015 per

“la sua capacità di affermare la qualità del progetto quale elemento fondante nella definizione dei processi di trasformazione urbana che sono declinati con rara sensibilità e attenzione verso il patrimonio culturale e urbano con il quale riesce a stabilire un significativo rapporto di interazione e di dialogo”.

Vincenzo Latina, architetto e professore di Composizione architettonica e urbana presso la Facoltà di Architettura di Siracusa dell’Università degli studi di Catania, ha firmato progetti sia in ambito residenziale sia intervenendo sul costruito storico del contesto prevalentemente siracusano. Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali e internazionali (anche) destinati alla riqualificazione urbana, distinguendosi finalista nel progetto artistico-architettonico di rifunzionalizzazione delle 2 gru scaricatori di rinfuse nel porto di Palermo (2010) e, due anni prima, per la stazione marittima nel porto grande di Siracusa.

Vincenzo Latina. Stazione marittima nel porto grande di Siracusa
Vincenzo Latina. Stazione marittima nel porto grande di Siracusa

Allo Studio Demogo (Simone Gobbo, Alberto Mottola e Davide De Marchi) invece va il riconoscimento Giovane talento dell’architettura italiana 2015 per il progetto del Nuovo Polo Municipale di Gembloux, in Belgio.
Di quest’opera, nata attraverso un concorso di progettazione promosso da Europan, la Giuria ha apprezzato il percorso esemplare sia dal punto di vista amministrativo sia da quello della gestione del processo di trasformazione urbana.

©Pietro Savorelli
Studio Demogo. Nuovo Polo Municipale e riqualificazione del Parc d’Epinal, Gembloux (progetto 2009, realizzazione 2013-2015). ©Pietro Savorelli
©Pietro Savorelli
Studio Demogo. Nuovo Polo Municipale e riqualificazione del Parc d’Epinal, Gembloux (progetto 2009, realizzazione 2013-2015). ©Pietro Savorelli

Il Premio Raffaele Sirica – start up giovani professionisti è stato assegnato al progetto spoon. CITY, di Lucia Rampanti e Caterina Pilar Palumbo: una piattaforma meritocratica attraverso la quale, da un lato, gli architetti possono proporre la loro candidatura descrivendo al meglio le loro competenze, dall’altro, gli studi o le aziende del settore possono richiedere qualsiasi tipo di servizio di architettura con la garanzia di ricevere un risultato adatto alle loro richieste.
Un progetto che intende dunque facilitare l’incontro concretamente, seppura da remoto, tra la domanda e l’offerta di lavoro.

Attribuito inoltre il Premio speciale della Giuria Architetto italiano 2015 a Geza – Gri & Zucchi Architetti associati (Udine), mentre le due Menzioni d’onore della Giuria Giovane talento dell’architettura italiana 2015 sono state attribuite a John Salvatore Liotta/Laps (Favara) per il progetto della Galleria d’arte XL Farm cultural farm a Favara, in provincia di Agrigento, e allo studio AM3 Architetti Associati (Palermo) per il progetto del Lungomare di Balestrate, nel palermitano.

Geza. Casa della Musica. ©Massimo Crivellari
Geza. Casa della Musica. ©Massimo Crivellari
Geza. Casa della Musica. ©Massimo Crivellari
Geza. Casa della Musica. ©Massimo Crivellari

Segnalati, per la loro qualità progettuale e realizzativa, i progetti degli under40: Mauro Crepaldi per il Polo cimiteriale di Copparo (FE); Matteo Facchinelli per il Centro tecnico municipale Rixheim (Fr); Diverserighestudio/Simone Gheduzzi, Nicola Rimondi, Gabriele Sorichetti per Casalogica, Bologna; Peter Pichler per le Mirror Houses a Bolzano e B22/Stefano Tropea con l’ Edificio Cascina Merlata, a Milano.

La cerimonia della premiazione si terrà il prossimo 18 dicembre a Roma, nella sede del CNAPPC. Nell’occasione verrà conferito il titolo di architetto onorario a tre esponenti della società  civile che si sono distinti a favore della promozione della cultura e della qualità dell’architettura.

http://www.festadellarchitetto.awn.it

Antonella Mazzola

Previous post

#45 Materiali isolanti 20. Gomma riciclata

Next post

#229 La Block Week dell’Università di Calgary