architectureInteriors

Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta

Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta – All’ultimo piano di una palazzina multipiano degli anni ‘50, ubicata nel centro storico di Padova, un intervento di ridisegno dello spazio progettato dall’architetto Tomas Ghisellini, trasforma due unità residenziali in un nuovo spazio abitativo unico su due livelli.
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (1)

Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (2)
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (3)
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (4)

Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (5)
Due spazi sovrapposti uniti in un’armoniosa fusione di ambienti; un ampio complesso di volumi e forme, un luogo dove soffitti a doppia altezza, nicchie e spazi inaspettati dialogano tra loro in una sinfonia di vuoti e pieni che conferisce un senso di leggerezza all’insieme. Il piano nobile è abitato da corpi liberi che modellano quasi un labirinto; al centro, un volume puro di cristallo – che nasconde al suo interno una grande cucina – domina la scena.
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (6)
Una scala leggera che pare ottenuta dalla piegatura delle pavimentazioni in legno naturale, permette di accedere al piano superiore, dove l’occhio viene catturato da uno studio abitabile dai tratti nordici, che si affaccia direttamente sulla zona living da un lato e sull’ampia terrazza in falda dall’altro.
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (7)
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (8)
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (9)

I volumi architettonici sembrano scivolare sul pavimento in un equilibrio di forme che si rapportano con la volumetria del loft loft: uno spazio a doppia altezza che libera proprio a ridosso dell’ingresso la sorpresa della luce naturale.
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (10)
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (11)
Loft A: uno spazio flessibile e di scoperta (12)

Nella cifra stilistica dei volumi del Loft A, la presenza di elementi che scompaiono completamente all’interno dei muri costituisce infine un grande vantaggio, per conferire agli ambienti permeabilità e trasparenza, in un open-space senza barriere in grado di creare, all’occorrenza, strategiche cesure spaziali.
In questo contesto, le soluzioni Scrigno rivoluzionano il modo di vivere il loft, dove la mancanza di tramezzi e barriere garantisce la massima flessibilità degli spazi e le visuali corrono ininterrotte verso l’alto, invitando il visitatore a lasciarsi trasportare dai tagli di luce nei soffitti, che lasciano intravedere il cielo.

Loft A
Padova
Architettura: Thomas Ghisellini
Courtesy: Scrigno

Previous post

Anteprime Euroluce 2017

Next post

In & out design in Brera by Roberto Semprini