architectureInteriors

Jakob + MacFarlane per la casa del profumo Frédéric Malle

Lo studio Jakob + MacFarlane sono i protagonisti del progetto per la una nuova boutique parigina Editions de Parfums Frédéric Malle. Oggi situata al numero 17 di rue des Francs-Bourgeois nel Marais, il nuovo spazio era stato immaginato da Frédéric Malle come un contenitore rettangolare collocato al piano terra di un edificio pre-Haussmann; una grande scatola con una grande finestra affacciata sulla strada: «Amo ancora molto l’intervento di Dominique Jakob e Brendan MacFarlane per il ristorante Georges presso il Centre Pompidou. Una fantasia futurista che dopo 15 anni mi affascina ancora come la prima volta che l’ho visitato. Più di recente altrettanta attenzione l’ho riservata al progetto Florence Loewy bookshop anch’esso nel quartiere del Marais, dedicato ai libri d’artista, dove Jakob + MacFarlane hanno progettato un alveare di intrigante di librerie di compensato».

Frédéric-Malle
[©(c)Roland Halbe.]

Frédéric-Malle
[©(c)Roland Halbe.]

All’interno dello spazio la shopping experience è garantita da una fitta rete di strutture in legno modellate e collegate tra loro oppure sviluppate a isola o ancora in forma di stalattiti, che si alternano tra loro tra scaffali, armadi refrigerati, moduli informativi e colonne per i tester delle profumazioni.
Pavimentazioni, pareti e soffitto sono rivestiti in acciaio inox lucidato a specchio che va a creare un continuo caleidoscopio di riflessioni, in una complessità senza fine che va a creare paesaggi visionari composti dalle scaffalature in legno e dalle trasparenze del vetro delle bottiglie di profumo. Il cliente della boutique viene certamente attratto dalle armoniche e variegate sfumature di colori e forme che via via incontra nel suo percorso olfattivo. Ogni singola bottiglia e il loro contenuto assumono una fonte cromatica involontaria mutevole in uno skyline di una metaforica città della luce.

Frédéric-Malle
[©(c)Roland Halbe.

Frédéric-Malle
[©(c)Roland Halbe.]

Dei colloqui con il committente gli architetti ricordano alcune conversazioni sui libri e sui profumi, ma anche del labirinto nel Jardin d’Acclimatation, sul tema dell’illusione e dell’infinito. La scelta di un profumo, infatti, fa parte della sfera di intimità di una persona che definisce la sua identità tra ciò che è immaginazione e realtà. Allo spazio dove vivere questa esperienza è richiesta comfort, silenzio e tempo. È da queste considerazioni che gli spazi dedicati alla scelta personale della migliore profumazione sono stati ricavati nelle colonne che nella disposizione dello spazio sono seminascoste tra le pareti del percorso.

Frédéric-Malle
[©(c)Roland Halbe.]

Frédéric-Malle
[©(c)Roland Halbe.]

Come in una casa editrice, e fedeli alla tradizione Frédéric Malle, alle pareti sono stati appesi alcuni ritratti di profumieri illustri ovvero coloro che sono da considerarsi i veri e propri della casa profumo. La luce artificiale è una componente essenziale della boutique, progettata in stretta collaborazione con i lighting design dell’Observatoire International. Il progetto un preciso posizionamento dei punti luce: in primo luogo l’illuminazione delle scaffalature tramite pannelli opalescenti; poi illuminazione diretta a soffitto con faretti; infine ogni bottiglia di profumo viene messa in scena attraverso un sistema di retroilluminazione integrato nella scaffalatura.

Editions de Parfums Frédéric Malle
13 rue des Francs-Bourgeois – 75004 Paris
Interior Design: Jakob+MacFarlane
Ph: Roland Halbe

Previous post

#67: Cassina

Next post

#32: Pierluigi Molteni