impermanence

#011 Il senso di Wanders per la scenografia

02_Marcel_wanders_por_original-(1) 03_pinned-up_stedelijk_001_original 04_pinned-up_stedelijk_002_original 05_pinned-up_stedelijk_003_original 06_pinned-up_stedelijk_004_original 07_pinned-up_stedelijk_005_original 08_pinned-up_stedelijk_006_original 09_pinned-up_stedelijk_007_original 10_pinned-up_stedelijk_008_original 11_pinned-up_stedelijk_009_original 12_pinned-up_stedelijk_010_original 
Marcel Wanders is ‘Pinned up at the Stedelijk’, il designer e i suoi 25 anni di lavoro ‘esposti’ al pubblico allo Stedelijk Museum di Amsterdam (la prima grande mostra di design dopo la riapertura nel 2012, visitabile fino al 5 giugno 2014).

Una retrospettiva in piena regola suddivisa in tre aree, Black Zone, White Zone, e Art Direction Lounge, dieci temi progettuali, più di 400 pezzi dai primi anni ’80 a oggi, dai più famosi ai meno noti, ma anche schizzi, prototipi, edizioni limitate sperimentali, progetti speciali e interni virtuali. È proprio nel progetto degli interni, quelli reali e realizzati, che meglio emerge la capacità di Wanders di affabulatore, di scenografo di atmosfere ‘larger than life’.

Larger than life. Immediata la reminiscenza delle storie e atmosfere del melodramma hollywoodiano che mi affascinarono molti anni fa. Non semplicemente il fuori scala di molti pezzi di arredo o illuminazione, bensì la preferenza per ambienti (e scenografie) glamour, emozionanti e seducenti, lontani dal consueto o dal minimale. Ambientazioni forse anche esagerate, eccessive, appariscenti (come molte installazioni di Moooi nella settimana del design milanese), tuttavia sicuramente generose in esperienze sensoriali – nell’uso del colore, della misura, della decorazione, dei materiali – e ricche di connotazioni nella rilettura di stili riconosciuti o di archetipi sempre vivi. Come in molti degli alberghi da lui realizzati, il Mira Moon di Hong Kong, l’Andaz di Amsterdam o il Kameha Grand Bonn, solo per citarne alcuni, set perfetti per sfavillanti e sofferti melodrammi.

http://www.stedelijk.nl/en/exhibitions/marcel-wanders-pinned-up-at-the-stedelijk

Alessandra Bergamini
Impermanence. Tutto quanto fa temporaneo. Una rubrica (non troppo regolare) sul progetto del transitorio, e perché no dell’effimero, del fugace. Che quasi sempre però porta con sè sintesi e intensità, di significati e di effetti. Gradite sono segnalazioni o notizie a alessandra.bergamini@designcontext.net

 

 

Previous post

CasApulia - Ritana Schirinzi

Next post

HOMI 2014 - Lucy Salamanca