Cellophane

#11 Elena Chernyshova. Days of Nights – Nights of Day

Fino al 21 febbraio 2016 la Half King Photo Series di Manhattan ospita il progetto fotografico di Elena Chernyshova: Days of Nights – Nights of Day. Un ingresso privilegiato a Norilsk, la città (s)perduta sopra il Circolo Polare sacrificata alla produzione di alcune tra le più pericolose sostanze chimiche esistenti sul pianeta.

2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series

Con Days of Nights – Nights of Day Elena Chernyshova porta a New York le solitudini polari e i primati crudeli di una città isolata, precipitata verso irrimediabili lontananze, raggiungibile con l’aereo o, limitatamente, via terra. In ogni caso non senza un permesso speciale.

Fondata nel 1935 dai prigionieri del Gulag Norillag, Norilsk è la città mineraria più settentrionale della Siberia, seconda al mondo per popolazione oltre il Circolo Polare Artico, la settima più inquinata.

Norilsk_Chernyshova001
2013. Elena Chernyshova / Half King Photo Series

Dall’oblò dell’aereo la città appare come un tacito fiume che viaggia per finta scomparendo nel vuoto, oltre il visibile, nelle polveri sottili della dissolvenza. Il silenzio, altissimo e indolente, invade la tundra che è coperta di neve fino all’orizzonte e si impasta col cielo di un imminente crepuscolo.

Con un atterraggio da brivido, Elena Chernyshova ci accompagna alla ricerca degli abitanti e del loro adattamento a un contesto che, oltre a vivere o di solo buio o di sola luce, porta i segni di una catastrofe ambientale, climatica, sociale, virale.

Norilsk_Chernyshova027
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series

La notte polare due mesi all’anno lascia spazio a cieli meno grevi con nubi diluite in un azzurro sempre un po’ timoroso; mentre in prossimità del complesso metallurgico, continuano a farsi largo volute di fumo che come fantasmi bianchi  si allungano corposi dalle ciminiere.

Norilsk_Chernyshova006
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series
Elena Chernyshova / Half King Photo Series
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series

Di Norilsk la Chernyshova rivela anche edifici pericolanti, profeti del Comunismo che si polverizzano insieme alle pareti, visioni urbane e umane sature di luci al neon dal sapore alieno, e lampioni solitari che alternano, quando il crepuscolo ha la meglio, gli scheletri bruni di alberi stecchiti dal gelo.

Norilsk_Chernyshova008
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series
Norilsk_Chernyshova026
2013. Elena Chernyshova / Half King Photo Series
Norilsk_Chernyshova024
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series
Norilsk_Chernyshova050
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series

Gli abitanti abusano comprensibilmente della luce artificiale – inquieta e ‘tormentata’ da raffiche e buio polari – e dei raggi flebili di un sole malato per dedicarsi a passatempi comuni, o illusoriamente tali.
Una impercettibile deviazione del silenzio. E pure del tempo.

Norilsk_Chernyshova030
2013. Elena Chernyshova / Half King Photo Series
Norilsk_Chernyshova044
2012. Elena Chernyshova / Half King Photo Series
Cellophane | a cura di Antonella Mazzola

Cellophane | a cura di Antonella Mazzola

Una rubrica fotografica che conserva geografie urbane e sociali, tempi e pose, con l’impegno mensile di riportare l’eco (e talvolta l’umore) del loro essere-al-mondo.
antonella.mazzola@designcontext.net

Previous post

Thonet All Seasons, classici a prova di outdoor

Next post

Bologna, prosegue il piano di riqualificazioni 'Di nuovo in centro'