eventiIn Evidenza

Biennale Internazionale di Architettura Barbara Cappochin: torna a Padova dal 26 ottobre

Opera vincitrice del Premio internazionale di ArchitetturaDa Giovedì 26 a Sabato 28 Ottobre 2017 appuntamento a Padova con la Biennale Internazionale di Architettura Barbara Cappochin 2017, il Festival dell’Architettura giunto ormai all’VII edizione e promosso dalla Fondazione Barbara Cappochin, dal Comune di Padova e dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Padova, che si avvale della collaborazione del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, dell’Unione Internazionale degli Architetti (U.I.A.) e del Consiglio degli Architetti d’Europa (C.A.E.).

La sostenibilità oggi più che mai è parte integrante dell’esperienza quotidiana, espressione di un’attenzione sempre maggiore al rispetto dell’ambiente, alla sua salvaguardia e al benessere in generale. Un cambiamento che interessa tutti i settori, ma che trova un consolidamento più forte nell’Architettura.

L’innovazione e la ricerca rappresentano la risposta più efficace a queste importanti tematiche. Il benessere costituisce un fattore determinante nel garantire la salute delle persone: un elemento da perseguire e da ricercare con sempre maggiore attenzione.

Sono questi alcuni degli importanti temi attorno ai quali ruota la Biennale Internazionale di Architettura di quest’anno.

A dare inizio al Festival di Architettura sarà un incontro dal titolo “L’Architettura incontra la scuola” presso Palazzo della Ragione: 800 studenti delle scuole secondarie superiori di secondo grado incontreranno alle ore 9:00 gli architetti Maurizio Carta, Presidente Scuola Politecnica Università di Palermo, e Gianluca Peluffo, partner dello studio 5+1AA, per spiegare ai giovani architetti del futuro come le scelte fatte nell’ambito dell’architettura si ripercuotano poi sulla vita di ogni persona e debbano perciò essere fondate su importanti valori, come il rispetto, l’accoglienza, la solidarietà e la sostenibilità.
Concetti fondamentali, capaci di migliorare la qualità della vita delle comunità, perseguendo sempre la via dell’architettura di qualità.

Si prosegue poi, alle 12:30, con la conferenza stampa ufficiale dell’evento presso Galleria Civica Cavour, dove il Sindaco di Padova Giordani, l’Assessore alla cultura, Colasio, il Presidente della Fondazione Barbara Cappochin e degli architetti italiani, Cappochin, e la Presidente dell’Ordine degli Architetti di Padova, Osti, incontreranno ufficialmente la stampa, presentando la mostra “I Tavoli dell’Architettura”, una vetrina delle migliori opere del Premio Internazionale Cappochin. In quell’occasione sarà anche presentato il libro European Green Capitals. Esperienze di rigenerazione Urbana sostenibile edito da LetteraVentidue.

Alle 15:00, nella storica e monumentale cornice di Palazzo della Ragione, si svolgerà la conferenza stampa dei vincitori del Premio Internazionale e regionale, mentre alle 17.00 seguirà, in via San Fermo, la presentazione dei “Tavoli dell’Architettura”.

A chiudere la giornata dedicata all’architettura e alla formazione sarà la lectio magistralis di David Chipperfield, tra gli architetti più importanti e affermati della nostra contemporaneità, sostenitore del principio che l’architettura ha un dovere morale nei confronti del contesto in cui interviene e deve quindi diventare sempre elemento di comprensione e di miglioramento del paesaggio e dello spazio.

La Biennale internazionale di Architettura Barbara Cappochin si concluderà venerdì 27 ottobre alle ore 20:00 all’auditorium Pollini con la cerimonia di premiazione del Premio Internazionale.

Nella stessa giornata di venerdì, sempre a Padova, prenderà avvio la Conferenza Nazionale degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, in presenza dei Presidenti degli Ordini di Architettura d’Italia.

Numerosi i temi di stretta attualità che saranno affrontati. Nella mattinata di venerdì, nel corso della Tavola Rotonda “L’arte del paesaggio ed il ruolo dell’acqua nella rigenerazione della città” sarà illustrata la ricerca Cresme/Consiglio Nazionale “Lo stato del territorio italiano, tra rischio sismico, idrogeologico, e consumo di suolo”; sabato 28 ottobre al centro del dibattito saranno, invece, i dati della ricerca, sempre Cresme/Consiglio Nazionale, “Chi ha disegnato l’Italia? Storia dell’edilizia italiana tra autopromozione, abusivismo e bella architettura” che sarà presentata nel corso della Tavola Rotonda “Il concorso di progettazione: strumento indispensabile per il rilancio dell’architettura di qualità”.

In chiusura della Conferenza saranno proclamati i cinque vincitori del primo grado del concorso di progettazione di un edificio di edilizia residenziale convenzionata a Milanosesto, il nuovo quartiere di Sesto San Giovanni (Milano) e quelli del concorso di idee per la riqualificazione di 10 aree periferiche del nostro Paese bandito dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo in collaborazione con il Consiglio Nazionale degli Architetti.

Previous post

Nature Urbane: il primo Festival del Paesaggio

Next post

This is the most recent story.