riv 3.0

#68 Architetti digitali stranieri: J. Mayer H. Architekten

01 02 03 04 05 06
Con sede a Berlino, lo studio J. Mayer H. Architekten lavora alle diverse scale (città, edificio e oggetto) influenzato dalla forte relazione che deve coesistere tra corpo umano, tecnologia e natura, arrivando quindi a configurare ambiti spaziali davvero innovativi. Intrecci e maglie, forme continue e strutture fluide contraddistinguono l’ampia produzione architettonica in giro per il mondo. Sul sito web dello studio troverete un microcosmo di progetti in cui dominano dinamismo, fluidità, libertà espressiva e astrazione, in cui strutture e forme si rifanno a geometrie complesse e non euclidee. Gli stessi modelli matematici adoperati per controllare queste strutture sono parte integrante del lavoro e della loro realizzazione in opera, secondo i principi dell’era dell’informazione, contraddistinta dall’interpretazione di spazio, forma e struttura come un insieme coerente e integrato, un unicum concettuale e costruttivo.

In questo articolo voglio soffermarmi sull’installazione temporanea CODE_n dedicata proprio al campo dell’innovazione e del mondo di internet in occasione di CeBIT a Hannover, la più importante fiera al mondo su information and communication technology. In questo caso lo studio ha intitolato lo spazio, organizzato da GFT Technologies AG (un fornitore internazionale di soluzioni e servizi IT), al Codice Nuovo, ossia al DNA dell’innovazione. Nel padiglione 16 della fiera, 3.500 m2 sono stati curati dallo studio in collaborazione con l’artista Tobias Rehberger; oltre ad ambiti espositivi e operativi (in cui emergono prodotti e servizi tecnologici), lo spazio doveva contenere anche un palco per le premiazioni dei migliori progetti. L’ambiente configurato rimane semi-aperto grazie a squarci sulle pareti e a un design organico e fluido che lascia sempre lo sguardo traguardare oltre. Fili conduttori dell’intervento sono proprio le linee colorate dell’artista Rehberger che sembrano rappresentare i flussi di dati in orizzontale e in verticale, accompagnando il passo dei visitatori.

elisa-montalti

RIV 3.0 | ideata e curata da Elisa Montalti

Indaga la radicale trasformazione nel settore del design, dell’architettura e della cultura in generale grazie al web e allo sviluppo delle tecnologie innovative.
elisamontalti@hotmail.it

Previous post

Next Design Innovation, concorso di idee da sviluppare con Polifactory

Next post

#10 Laurent Kronental: Souvenir d'un Futur