riv 3.0

#61 RIV 3.0 Architetti digitali stranieri: Potion



2 3 4 5 7
Questa volta ci spostiamo a New York, alla scoperta dello studio di interaction design e technology Potion, volto alla creazione di ambienti digitali in cui l’uomo e la tecnologia interagiscono in modo sorprendente. Lo studio è stato fondato nel 2005 da laureati al MIT Media Lab di Boston, che cercano oggi continuamente nuovi orizzonti creativi grazie all’invenzione e alla sperimentazione di tecnologie innovative, originali modalità di interazione e diversi approcci lavorativi. I componenti dello studio ritengono che “la computazione sia il mezzo odierno per l’espressione creativa – l’universo digitale dovrebbe danzare e sbocciare in risposta al tocco umano”.
Tantissimi sono i progetti a loro firma che sperimentano superfici digitali e interattive per pavimenti, tavoli, bacheche, strade, pannelli, ecc., così come interessante si configura lo studio di applicazioni per smartphone e tablet. In questo caso andiamo ad analizzare l’installazione interattiva 100 Things To Do che sfida gli utenti a YOU! The Experience, ossia a mettersi alla prova con la selezione di una lista di priorità nella propria vita. Tre display a 46 pollici si configurano come tre lavagne interattive, in costante aggiornamento; Potion Interactive Display Software permette a utenti di diverse età di leggere e selezionare gli obiettivi usando le mani (grazie a IR Touch Frames) per trascinare gli obiettivi prescelti su un block-notes gigante. Con SciPass System gli utenti possono salvare il loro elenco che potrà essere visualizzato anche on-line, condividendolo con altri.
Anche la lavagna tradizionale viene aggiornata e diventa esperienza di riflessione, gioco e socializzazione, mentre magari si sta aspettando un treno.

www.potiondesign.com

Elisa Montalti

RIV 3.0 è una rubrica ideata e curata da Elisa Montalti che indaga la radicale trasformazione nel settore del design, dell’architettura e della cultura in generale grazie al web e allo sviluppo delle tecnologie innovative.
elisamontalti@hotmail.it

 

Previous post

Massimo Vitali. 'Campionatore' di paesaggi umani

Next post

The Pinch: un nuovo polo dopo il terremoto