riv 3.0

#60 Architetti digitali stranieri: Jason Bruges Studio



Installazione Mimosa
02
03
04
05


Lumiblade OLED Water Lily

07

Lo studio sorge a Londra in quello che viene definito il ‘cuore dell’industria creativa e digitale in Europa’. Dal 2002 un team multidisciplinare di architetti, lighting designer, ingegneri elettronici, programmatori, visualizzatori, progettisti industriali e ingegneri meccanici lavora insieme per progettare e realizzare installazioni interattive.

Jason Bruges Studio è autore di diversi progetti in tutto il mondo. Qui parleremo della sua prima installazione per Oled Lumiblade, Mimosa, proposta al Fuorisalone di Milano 2010. L’opera interattiva si ispira alla famiglia di piante mimosa che cambiano cineticamente per adattarsi alle condizioni ambientali. Il progetto ha utilizzato la forma sottile di singoli Oled per creare delicati petali di luce a forma di fiori che si aprono e chiudono in risposta ai visitatori.
La collaborazione con Philips è proseguita negli anni successivi e ad agosto di quest’anno lo studio ha sviluppato un altro progetto digitale ispirato alle essenze vegetali (esattamente il giglio d’acqua, la ninfea), utilizzando la Lumiblade technology. Questa volta gli esperimenti sono stati fatti su Oled e su liquidi con l’obiettivo di creare una superficie luminosa galleggiante. Le ninfee funzionano solo quando sono immerse nell’acqua; attraverso il liquido passa l’elettricità e i gigli digitali non solo creano una superficie luminosa galleggiante di grande fascino, ma anche un bellissimo ecosistema sottomarino, molto simile a quello naturale. Usando materiali fortemente idrofobi, lo studio ha sviluppato una tecnica di impermeabilizzazione per i fiori digitali ed è attualmente alla ricerca in un sistema che possa controllare e programmare i gigli singolarmente.
Gli Oled Water Lily ben rappresentano la grande aspirazione dei progettisti a una profonda intersezione tra natura e tecnologia: l’ecosistema diventa il modello di riferimento alla ricerca del Paradiso perduto, anche se questo Eden del futuro dovrà essere necessariamente connesso.

Elisa Montalti

RIV 3.0 è una rubrica ideata e curata da Elisa Montalti che indaga la radicale trasformazione nel settore del design, dell’architettura e della cultura in generale grazie al web e allo sviluppo delle tecnologie innovative.
elisamontalti@hotmail.it

 

Previous post

Il viadotto si risveglia: un esempio di 'rammendo' urbano

Next post

Torino, apre le porte il Circolo del Design