video

Dal 2D al 3D: come nasce una lampada Slamp

Ogni lampada Slamp è realizzata con una tecnologia produttiva brevettata a livello internazionale che parte da una lastra bidimensionale di tecnopolimeri plastici (l’attuale rack ne comprende circa 78 tra finiture, spessori e colori disponibili) per arrivare a un volume tridimensionale altamente decorativo.
Ma come viene lavorato un materiale in lastra?
Come si passa dalle 2 alle 3 dimensioni?
Quanto conta la manualità nella produzione di una lampada Slamp?

L’azienda si mette a nudo, facendoci entrare in produzione attraverso il video, e descrivendo i momenti più significativi della creazione sartoriale che, dal 1994, caratterizza ogni prodotto Slamp. Ogni lampada non è mai uguale a sé stessa. E le recenti produzioni Hanami, ispirata a un ramo di ciliegio in fiore, e Dimple, che ha richiesto 8 mesi di ricerca per raggiungere l’effetto cracklè desiderato dai designer, ne sono un esempio calzante.
Dal 2D al 3D: come nasce una lampada Slamp

Previous post

PLAYplay espressioni vivaci di Lanzavecchia+Way

Next post

Premio Architetto Italiano 2016 a Werner Tscholl