ecobabele

#43 COMUNI VIRTUOSI 04. Castelbuono

Castelbuono

Castelbuono



Le asine spazzine


In buone mani

Spazzini all'opera

Spazzini all’opera


Modello da esportare

Nel Comune siciliano di Castelbuono si porta avanti un’iniziativa virtuosa e per certi versi all’avanguardia per quello che riguarda la raccolta differenziata porta a porta.

Dal 2007 infatti, il Sindaco Cicero, propone l’utilizzo di asini in sostituzione di mezzi pesanti per l’erogazione del servizio all’interno del centro urbano. L’iniziativa, che può apparire bizzarra di primo acchito, ha grande valenza invece in termini di sostenibilità ambientale e sociale. L’utilizzo degli asini consente, oltre all’impiego (o per meglio dire ‘reimpiego’) degli stessi in un ruolo che è stato loro per centinaia di anni, di aprire canali di impiego a favore della comunità, che così può collaborare attivamente allo svolgimento del servizio e avvicinarsi in maniera molto più rapida e favorevole alla buona pratica del differenziare, attraverso un percorso socio-pedagogico creativo ed efficiente.

I benefici derivanti dall’utilizzo degli animali sono molteplici. In termini economici, ad esempio, si evidenzia un rilevante risparmio derivante dal NON acquisto di furgoni e compattatori (e conseguentemente anche delle spese afferenti riguardanti manutenzioni, bolli, assicurazioni, carburante) a favore di acquisto e mantenimento delle asine. Per Castelbuono il volume di risparmio è stato quantificato nell’ordine di 8.000 € annui per il mantenimento e di circa 30.000 € in fase di start up.

Un altro non trascurabile vantaggio è legato all’inquinamento, inteso in ogni accezione del termine, poiché rispetto ai mezzi meccanici le asine, oltre a produrre meno emissioni dannose in atmosfera, limitano notevolmente anche l’inquinamento acustico legato al passaggio dei mezzi.

Infine, il carattere e la valenza sociale dell’iniziativa, grazie alla quale vengono impiegate e reinserite in ambito lavorativo persone provenienti da situazioni di disagio.

L’esempio di Castelbuono, valso al Comune siciliano il Premio Comune Virtuoso nel 2008, negli anni seguenti è stato replicato e riproposto in molti altri piccoli comuni della penisola, che hanno identificato questa sperimentazione come valido metodo da seguire, riproporre, reinterpretare.

ecobabele

Ecobabele | a cura di Simone Gabrielli, Consulente Energetico per l’Agenzia CasaClima di Bolzano

in collaborazione con Elisa Montalti della redazione, alla ricerca di una comune
(o almeno comprensibile) Lingua della Sostenibilità.
simonegabrielli@studioarches.com
www.studioarches.com

Previous post

Un omaggio al bosco, il Nido diventa 'tana' per i più piccoli

Next post

Il Grande Cretto completa la memoria di Gibellina