SmartPost

#08 Le città galleggianti

Water-Rings-Pavillon_-Carlo-Ratti-Associati
©Carlo Ratti Associati

Gli acquedotti romani, i canali di Amsterdam, le vasche del Taj Mahal, le fontane dell’Alhambra, il villaggio acquatico di Zhouzhuang: l’acqua è sempre stata al centro delle nostre città, non solo come risorsa imprescindibile e preziosa. L’acqua disegna lo spazio e plasma il paesaggio urbano; fluida ma non sempre duttile, si insinua, origina e colma fenditure. Crea superfici e scorre tra le case.
Utilizzare e funzionalizzare uno spazio d’acqua è spesso una sfida ardua per il progettista. Gli esempi virtuosi sono molti e molti sono anche gli errori che hanno reso l’acqua un elemento distruttivo o hanno dato origine a progetti stagnanti.
The Water Ring Pavillion è la nostra idea per le Olimpiadi di Rio del 2016. Cinque padiglioni circolari galleggiano sulla Lagoa Rodrigo de Freitas, sfruttando un elemento chiave del paesaggio urbano in modo non convenzionale. La forma del padiglione si ispira ai cinque anelli olimpici, e ogni anello assolve una funzione specifica: una piscina-solarium, un auditorium multifunzionale, un foyer-infopoint, un bar e un ‘learning ring’ – uno spazio in cui i visitatori potranno contemplare la laguna con il suo ricco ecosistema acquatico e interagire con droni che analizzano la qualità dell’acqua. Una tecnologia di galleggiamento simile a quella dei sottomarini permetterà ai visitatori di immergersi letteralmente nella laguna, per un’esperienza fluida senza precedenti.

SmartPost | le idee di oggi per le città di domani | a cura di Carlo Ratti Associati

Facebook carlorattiassociati | Twitter @crassociati | Hashtag #smartpost | pr@carloratti.com | www.carloratti.com

SmartPost @en

#08 The floating cities

Water-Rings-Pavillon_-Carlo-Ratti-Associati
©Carlo Ratti Associati

Roman aqueducts, Amsterdam canals, Taj Mahal pools, Alhambra fountains, Zhouzhuang water town: water has always been at the centre of our cities, not only as a precious and essential source. Water draws spaces and shapes the urban landscape. Fluid but not always flexible, it sneaks, stems and fills cracks, creating new surfaces and flowing through the houses.
To use and functionalize a water space it’s always a challenge for any designer. The good examples are many and many are the mistakes that have made history, turning water in a destructive element or giving life to stagnant projects.
The Water Ring Pavillion is our idea for Rio Olympics 2016: five circular pavillons floating on Lagoa Rodrigo de Freitas, taking advantage of a key element of the urban landscape in an unconventional way. The shape of the pavilion is based on the five well-known Olympic rings. Each ring corresponding to a specific function, atmosphere and visitor experience: a swimming pool-solarium, a multifunctional auditorium, a foyer-info point, a cafe and a “learning ring” – a space where visitors will be able to contemplate the aquatic ecosystem and to interact with drones analysing water quality of the lagoon. The dynamic underwater floating technology of the rings will be the same used in submarines and will allow the visitors to literally enter the water, for an unprecedented fluid experience.

SmartPost | le idee di oggi per le città di domani | a cura di Carlo Ratti Associati

Facebook carlorattiassociati | Twitter @crassociati | Hashtag #smartpost | pr@carloratti.com | www.carloratti.com

Previous post

Desall e Greggio Argenti. Alla ricerca di nuove idee per l’argento

Next post

Interno 14. Le porte della percezione