Cellophane

#07 In The City By Night

Un mosaico luminoso di campi e di risaie, qua e là bordati dai nastri bruni dei fiumi: è il lungo piano sequenza che ricordo scivolare laterale, dal finestrino, mentre da Phnom Penh ci si avvicina a Siem Reap.
Dai SUV che come rompighiaccio aprono gli sciami compatti di motorini, l’odore di scarico e di durian troppo maturi, alle memorie coloniali che degradano in una confusa successione di notizie, silenzi, omissioni e trascuratezze, ci si avvicina al glorioso passato Khmer sostando nella servizievole porta di accesso ai templi di Angkor.
In The City By Night, © Philong Sovan
Due città, due mondi. Apparentemente. Che nella volontà frontale di Philong Sovan appaiono però intrecciate dall’ordinario notturno dei loro abitanti. Là dove il giorno e la notte non sanciscono i tempi del lavoro e del riposo, i ‘fuori orario’ sono sorpresi dall’abbaglio senza filtri di un faro roboante, quello della sua motocicletta.
In The City By Night, © Philong Sovan In The City By Night, © Philong Sovan
Sorpresi a metà, perché dietro a quel lampo by night riconoscono il ragazzo che di giorno, a fari spenti, ha già frugato nelle loro vite consenzienti premeditandone il ritorno.
In The City By Night, © Philong Sovan In The City By Night, © Philong Sovan
L’approccio documentaristico, retaggio di un inizio come fotogiornalista per The Phnom Penh Post e per l’agenzia di stampa cinese Xinhua, si è consolidato dal 2011 quando Sovan è entrato a far parte dell’agenzia fotografica Asia Motion. Tuttavia il suo ‘colpo d’occhio’ è diventato ormai uno stile sempre più ispirato, e condizionato, dalle fonti di luce. Prima dal bagliore dello schermo di un portatile, freddo e tremolante, poi dal fascio che il fotografo ravviva sgasando l’acceleratore della moto sul cavalletto, accanto al treppiede.
In The City By Night, © Philong Sovan
Le due città, Phnom Penh e Siem Reap, non solo figurano come il contorno della visione ma sembra ne condizionino il dispositivo stesso della messa in scena. La luce si scaglia con un’inedita forza drammaturgica sulle persone spesso riconfigurando, più o meno consapevolmente, le immagini secondo un regime finzionale più vicino all’estetica cinematografica.
In The City By Night, © Philong Sovan In The City By Night, © Philong Sovan In The City By Night, © Philong Sovan In The City By Night, © Philong Sovan In The City By Night, © Philong Sovan

In The City By Night, progetto a cui il giovane fotografo cambogiano lavora dal 2010, verrà presentato al festival di Internazionale a Ferrara dal 2 al 4 ottobre 2015.
http://www.philongsovan.com/

Cellophane | a cura di Antonella Mazzola

Cellophane | a cura di Antonella Mazzola

Una rubrica fotografica che conserva geografie urbane e sociali, tempi e pose, con l’impegno mensile di riportare l’eco (e talvolta l’umore) del loro essere-al-mondo.
antonella.mazzola@designcontext.net

Previous post

Flos e i suoi gioielli

Next post

Product Design. Al via il contest Multifunctional Urban Structure Design