impermanence

#062 Steven Holl a teatro. Tesseracts of Time, A Dance for Architecture

È durata il tempo (21 minuti) di una sola rappresentazione, prima mondiale all’Harris Theater for Music and Dance di Chicago lo scorso novembre 2015, Tesseracts of Time, A Dance for Architecture, creazione congiunta di Steven Holl e della coreografa Jessica Lang commissionata da The Chicago Architectural Biennial.

3-WHOR

2-WVER
1-WVER

Per l’architetto non un ‘semplice’ lavoro di progettazione di un set teatrale ma, insieme alla coreografa, l’esplorazione di una dimensione composta di pensiero, di spazio e di tempo che possa unire le due arti: “una opportunità per sperimentare la fusione fra le due arti, concentrandosi su tempo, forma, luce e movimento”.

image4_WHOR

Architettura e danza, in pochissime parole rispettivamente l’arte di creare spazi e l’arte di muoversi nello spazio, condividono l’esperienza di corpi che occupano lo spazio nel tempo.

Lo spazio ‘fisico’ in Tesseracts of Time è rappresentato prima da proiezioni ingrandite in bianco e nero di modelli architettonici in legno e cemento, solidi di piccole dimensioni, su cui i corpi si sovrappongono danzando, e poi da frammenti di solidi in scala più grande realizzati con strutture di metallo avvolte da tessuto. Lo spazio ‘architettonico’ invece è metaforicamente suddiviso nelle sue quattro dimensioni rispetto al ‘terreno’: Under, In, On e Over the ground, che nella coreografia diventano quattro diversi movimenti corrispondenti a loro volta alle stagioni. Il quattro dà vita a una forma complessa, dal quadrato all’ipercubo, il tesserato appunto.

Il tempo qui ‘esiste’ invece in una forma compressa e in diverse declinazioni semantiche, i tempi brevi ed effettivi del balletto, quelli ‘suggeriti’ della progettazione architettonica, quelli immaginati delle stagioni, quelli dei movimenti dei corpi (9 ballerini) e infine quelli della musica, scelta per le qualità architettoniche fra le composizioni di John Cage, Morton Feldman, David Lang, Arvo Part, Iannis Xenakis.

In questa intervista ne parlano i due protagonisti.

images_tesseracts_of_time_05_large

11/5/15 7:21:27 PM -- World Premier of "Tesseracts of Time" by Jessica Lang Dance Co. . © Todd Rosenberg Photography 2015

staging4-WVER

11/5/15 7:24:30 PM -- World Premier of "Tesseracts of Time" by Jessica Lang Dance Co. . © Todd Rosenberg Photography 2015

images_tesseracts_of_time_03_large

Commissionato da:
The Chicago Architectural Biennial
John and Caroline Balantine
Sandra and Jack Guthman
Michael and Sharon Tiknis through the Imagine Campaign
The Harris Theater for Music and Dance
The Society for the Performing Arts
The Joyce Theater Foundation
Architettura: Steven Holl Architects
Steven Holl (concept)
Dimitra Tsachrelia (design director)
Ruoyu Wei (filming and editing, ‘Explorations of IN’ project team)
Yuliya Savelyeva (‘Explorations of IN’ project team)
Balletto: Jessica Lang Dance
Jessica Lang (concept, director and choreographer)
Milan Misko (film consultant)
Clifton Brown, Randy Castillo, Julie Fiorenza, John Harnage, Eve Jacobs, Kana Kimura, Milan Misko, Jammie Walker (ballerini)
Musica: John Cage, Morton Feldman, David Lang, Arvo Part, Iannis Xenakis
Lighting design: Nicole Pearce
Costumi: Bradon McDonald
Realizzazione stage e set: Paper Mâché Monkey
Con il sostegno di:
The Rockefeller Brothers Fund
The Harkness Foundation for Dance
Charles & Deborah Adelman
The Dau Family Foundation
Foto: ©Todd Rosenberg

impermanence

Impermanence | a cura di Alessandra Bergamini

Tutto quanto fa temporaneo. Una rubrica (finora regolare) sul progetto del transitorio, e perché no dell’effimero, del fugace. Che quasi sempre però porta con sè sintesi e intensità, di significati e di effetti. Gradite sono segnalazioni o notizie a alessandra.bergamini@designcontext.net

Previous post

La Coquillade, spa di lusso nel cuore dei vigneti

Next post

Interni Milanesi, Fulvio Irace alla Fondazione Vico Magistretti