ARIMO!

#06 Intervista a Mathieu Collos

Mathieu Collos, Cyril Rheims

In questa puntata di Arimo! scopriamo una bellissima storia dalla Francia, un vero esempio di economia circolare. Intervistiamo Mathieu Collos che con Cyril Rheims ha creato Clip it, una clip di plastica riciclata che consente di unire i tappi di plastica per creare qualunque cosa.

Caro Mathieu, come nasce Clip it?
Ciryl e io siamo entrambi architetti. Nel Maggio 2014 abbiamo partecipato ad un concorso Europeo di design basato sull’Upcycling. Abbiamo vinto un premio grazie ad un’idea molto semplice per dare una seconda vita ai tappi di plastica. Poi siamo stati invitati a Brussels ad esporre durante la “Greenweek”.
Presi dall’entusiasmo sorto intorno al progetto, abbiamo deciso di spingerci oltre. Grazie al crowfunding, al quale hanno aderito più di 1000 persone di 30 paesi diversi, siamo riusciti a finanziare la produzione iniziale.

Come funziona Clip it?
Clip it è un gioco di costruzioni fatto al 90% dai tappi di plastica che hai in casa (bibite, acqua, latte). Invitiamo infatti i bambini a raccogliere i tappi a casa; poi possono usare le nostre clips per connettere insieme i tappi e  creare le forme che desiderano, imparando mentre giocano.
Clip it stimola la creatività dei bambini e le loro capacità motorie. Al contempo, li sensibilizza ai problemi ambientali.

Che materiali usate per le clips?
Le clips sono fatte di plastica riciclata ottenuta dal recupero dei tappi.
Collaboriamo con una charity (www.bouchonsdamour.com); loro raccolgono i tappi, li vendono e finanziano progetti per persone con disabilità.
Compriamo i tappi da questa onlus: poi i tappi vengono separati in base al colore e trasformati in clips tramite stampaggio ad iniezione.

Quindi i tappi sono riciclati per creare un gioco che consente ai bambini di riutilizzare i loro tappi. Un ottimo esempio di economia circolare, vero?
C’è dell’altro. Non solo i bambini giocano con i loro tappi, ma quando si stufano di Clip it, chiediamo loro di restituire le clips e i tappi alla stessa onlus. Così hanno un ruolo attivo nel ciclo di vita di Clip it.

Collaborate molto con le scuole. Raccontaci come Clip it può entrare nel percorso didattico di una scuola.
Clip it è più che un gioco. È davvero uno strumento didattico. Per esempio, puoi scrivere lettere con i tappi e chiedere ai bambini di connettere le lettere tra di loro per formare parole. Possono imparare a contare a scrivere e molto ancora.
Adesso stiamo sviluppando un’app per Ipad che classifichi e spieghi ogni possibile attività per tema e per età. Sarà completamente gratuita ed è pensata appositamente per i docenti.

Di solito, lasciate i bambini liberi di creare quello che vogliono o gli date delle regole? 
Quando organizziamo workshop nelle scuole, stabiliamo una tematica d’accordo con i docenti. Poi creiamo e stampiamo vari modelli grafici che abbiano a che fare con il tema prescelto (rifiuti, acqua, animali…).
I bambini sono liberi di usare uno dei modelli creati da noi o di inventarsi il loro modello.
Durante queste attività, spieghiamo anche i concetti di riciclo e Upcycling.

Molto interessante. E qual è il più incredibile oggetto che sia mai stato creato con Clip it?
Durante un evento per un produttore francese di acque minerali, 800 persone hanno partecipato alla realizzazione di un affresco 3×2 per creare il loro logo con i tappi. Questo lavoro ha richiesto ben 4 ore.

Come possono i bambini contribuire a migliorare il pianeta?
Ѐ molto facile insegnare ai bambini buone azioni quotidiane come il compostaggio domestico, la separazione dei rifiuti o la riduzione dei consumi idrici. Ci accorgiamo che spesso i bambini sono più attenti degli adulti. Ѐ un buon segno, dobbiamo continuare a stimolare la loro sensibilità attraverso l’educazione e fornire strumenti validi per passare alla pratica.



matcyril


ARIMO! | a cura di Alessandro Garlandini

Breve pausa di sostenibilità per bambini e famiglie. Ecodesign, giocattoli con materiali riciclati e mostre su tematiche ambientali e sociali.
a.garlandini@ilvespaio.eu
www.ilvespaio.eu

Previous post

50 manga chairs - designed by Nendo for Friedman Benda

Next post

50 sedie manga: il design a fumetti