ARIMO!

#02 Ri come… ma quanti rifiuti fai?

mostra “Ri come…”
Allestimento a Villa Recalcati di Varese. Foto di Matteo Motta – Romborosa.

Ogni anno produciamo oltre 500 kg di rifiuti a testa, pari al peso di una mucca. Ma con poche buone azioni possiamo ridurre la quantità di rifiuti che produciamo, bambini, ragazzi e adulti. Come? Lo potete scoprire visitando “Ri come…”, mostra itinerante su consumo critico, riduzione, recupero e riciclaggio dei rifiuti, che inaugura sabato 24 ottobre alla Bica, la biblioteca di Carnago.

“Ri come…” è una mostra didattica e interattiva per scolaresche e famiglie, pensata per l’apprendimento di semplici azioni virtuose che consentono la riduzione dei rifiuti nella pratica quotidiana. Il percorso espositivo prevede anche la presentazione di una selezione di oggetti di uso quotidiano, mobili e giocattoli realizzati in materiali riciclati.

L’allestimento – una collaborazione tra ilVespaio e Romborosa – è stato realizzato preferendo materiali riciclati e di riuso e progettando moduli espositivi a forma di scatola, che possano contenere gli oggetti in mostra e siano facilmente trasportabili. L’allestimento è interattivo, pensato per stimolare la curiosità dei bambini, mentre la grafica, i video e la scelta dei contenuti sono stati studiati per essere fruibili sia dai bambini più piccoli sia dagli adulti.

Nella prima parte della mostra, i bambini si troveranno di fronte a grandi scatole in Mdf sulle quali sono appoggiati oggetti diversi e dovranno scegliere quali sono più o meno sostenibili. Produce più rifiuti un cono gelato, una coppetta o un gelato industriale? È meglio un piatto usa e getta di carta, di plastica o un piatto di ceramica riutilizzabile? Schiacciando dei pulsantoni, i bambini capiranno se la loro scelta è stata corretta; via libera se si accende la luce verde, scelta da rivedere se si accende quella gialla, troppi rifiuti se si accende quella rossa. I bambini potranno poi vedere e toccare una serie di prodotti realizzati con materiali riciclati, per comprendere i frutti del loro impegno quotidiano nella raccolta differenziata: una bicicletta in alluminio riciclato, mobili in cartone, magliette da calcio in Pet riciclato, giocattoli dagli imballaggi in plastica e molto altro.

La mostra “Ri come…” è un progetto del Piano Integrato Transfrontaliero (PIT) tra Italia e Svizzera e sta girando la provincia di Varese e il Canton Ticino; le precedenti tappe sono state Villa Recalcati a Varese, al Chiostro di Voltorre, Castellanza, Mendrisio, Giubiasco, Laveno, Busto Arsizio, Manno, Gordola, Lugano e Milano. La mostra approda ora alla biblioteca di Carnago, frutto di un bell’intervento in un edificio storico nel centro della cittadina lombarda, dove rimarrà fino alla fine di novembre.

Dal 24 ottobre fino a fine novembre
BICA – Biblioteca di Carnago – Via Libertà 5, 21040 Carnago (VA)
Apertura al pubblico: lunedì: 9.00 – 13.00, da martedì a venerdì: 14.30 – 19.00, sabato: 10.00 – 19.00, domenica: 14.30 – 19.00
Per ulteriori informazioni: www.modusriciclandi.info
Per ospitare la mostra: pit@provincia.va.it

mostra “Ri come…”
Allestimento a Laveno Mombello. Foto di Matteo Motta – Romborosa.

mostra “Ri come…”
Le scatole di Mdf nell’allestimento alla Galleria Baumgartner di Mendrisio. Foto di Matteo Motta – Romborosa.

mostra “Ri come…”
Qual è la scelta più sostenibile? Foto di Matteo Motta – Romborosa.


mostra “Ri come…”
Allestimento a Villa Recalcati di Varese. Foto di Matteo Motta – Romborosa.

mostra “Ri come…”
La ruota delle stagioni per scoprire quando mangiare frutta e verdura. Foto di Matteo Motta – Romborosa.

mostra “Ri come…”
Esposizione di prodotti in materiale riciclato nel Comune di Castellanza. Foto di Matteo Motta – Romborosa.


mostra “Ri come…”
Allestimento al Chiostro di Voltorre. Foto di Matteo Motta – Romborosa.





Storia di una maglietta. Video sull’impatto ambientale di una T-shirt, realizzato da ilVespaio e Romborosa


ARIMO! | a cura di Alessandro Garlandini

Breve pausa di sostenibilità per bambini e famiglie. Ecodesign, giocattoli con materiali riciclati e mostre su tematiche ambientali e sociali.
a.garlandini@ilvespaio.eu
www.ilvespaio.eu

Previous post

#221 Becco d’oro

Next post

Moving Landscape. Il Salento e i suoi collegamenti con la contemporaneità